Quali sono i multipli di 8 e come ottenerli

i multipli di 8

Nell’articolo precedente, abbiamo parlato dei multipli di del numero naturale 10. Oggi parleremo ancora di multipli di un numero e di come trovarli. Quali sono i multipli di 8? Come si ottengono? Continua a leggere l’articolo e lo scoprirai

Cosa sono i multipli?

Quali sono i multipli di 8

In realtà, abbiamo già parlato di questo argomento sia quanto abbiamo parlato dei multipli di 10 sia quanto abbiamo parlato dei divisori di un numero. Divisori e multipli, infatti, vanno a braccetto anche se ovviamente non sono la stessa cosa. In matematica il multiplo di un numero è quello che si ottiene moltiplicando un numero per un numero intero.

Si dice, inoltre che se un numero naturale a è divisibile per un numero naturale b, allora a è multiplo di b e b è divisore di a. Praticamente un numero è multiplo di un altro quando lo contiene esattamente. Come abbiamo già detto nell’articolo precedente, l’insieme dei numeri naturali è infinito, quindi i multipli di un numero sono infiniti.

Trovare i multipli di 8

Quali sono i multipli di 8

I multipli di un numero in algebra si ottengono semplicemente moltiplicando un numero per un altro. Se vogliamo trovare i multipli di 8, dobbiamo semplicemente moltiplicarlo per tutti i numeri naturali per vedere quale può fare a caso nostro. Ecco come dobbiamo muoverci:

8×0= 0

8×1= 8

8×2= 16

8×3= 24

Possiamo continuare fino all’infinito dati che i multipli di un numero intero possono essere molteplici e, dunque, infiniti.

I multipli di 8

Adesso che abbiamo capito nello specifico come funziona tutto il procedimento, possiamo già capire quali possono essere i numeri considerati multipli di 8. Questi possono essere molteplici. Sono infiniti e tutti moltiplicabili per 8.

Per essere più specifici, i numeri multipli di 8 sono lo zero e tutti i numeri interi che possono essere sia positivi sia negativi. Il resto della loro divisione dà come risultato il numero zero. Tra i multipli di 8, quelli sicuramente più comuni sono 16 e 8. I multipli di 8 si calcolano moltiplicando per 8 ogni numero intero relativo. Ecco un’elenco esaustivo in modo da capire meglio di cosa stiamo trattando:

  • 0
  • 8
  • 16
  • 24
  • 32
  • 40
  • 48
  • 56
  • 64
  • 72
  • 80

Questi appena elencati possono essere considerati come multipli.

Come stabilire se un numero è multiplo di un altro

In realtà è più semplice di quello che si può pensare. Per stabilire ciò non bisogna far altro che accertarsi del fatto che il risultato non sia 8. Davvero è così banale? Beh in effetti sì! Un vero e proprio gioco da ragazzi. Basterà svolgere una semplice divisione tra il numero 8 e il potenziale multiplo e vedere il resto . Se il resto dà come risultato 0 allora è davvero un multiplo di 8, in caso contrario semplicemente non lo è.

Multipli e scomposizione in fattori primi

Un altro metodo è la scomposizione in fattori primi. Un metodo un pò’ più scientifico rispetto a quello di moltiplicare il singolo numero un sacco di volte prima di scoprire finalmente la realtà dei fatti. La scomposizione in fattori primi consiste nel calcolare la potenza. Nel caso specifico, 8 ha come potenza 2 e la scomposizione in fattori primi è data da :

8 =  23

Di conseguenza, un numero positivo viene diviso è un multiplo se tra i fattori di scomposizione nei primi numeri figurano il numero 2 con esponente maggiore o uguale a 3.

Tutto chiaro? Non è così difficile!

A cosa serve la matematica?

La matematica non è un’opinione. Questo è un detto molto famoso che descrive la matematica e la sua natura più profonda ovvero una scienza esatta che si basa su fatti dimostrabili cioè i numeri. Non esiste cosa più scientifica dei numeri nel mondo. Il mondo e molti fenomeni che fanno parte di esso non esisterebbero senza la matematica. La matematica si trova in moltissimi ambiti della nostra vita quotidiana e senza di essa molto probabilmente no riusciremo a compiere la maggior parte delle azioni quotidiane. Ad esempio un imprenditore che ha un’azienda deve presentare la contabilità di tale azienda. Dalla contabilità verrà fuori la situazione economica dell’attività, quindi i profitti e i ricavi che derivano dai prodotti o servizi offerti dall’azienda stessa.

I bambini e la matematica

La matematica spesso è antipatica per alcuni di noi. Questo può succedere con i più piccoli. Ci sono dei bambini che sono più portati per le materie scientifiche come la matematica, altri invece che hanno la passione per quelle prettamente umanistiche come ad esempio l’italiano, la letteratura o la storia. Ogni bambino ha i propri talenti e tocca ai genitori o agli insegnanti individuare quali sono questi talenti e cercare di coltivarli.

Al di là degli interessi del bambino, tuttavia, a scuola c’è un certo “piano di studi” da seguire. Il programma scolastico ha un certo tipo di insegnamenti da impartire tra cui figura la matematica. Anche i bambini che non hanno un buon rapporto con questa materia ovviamente dovranno apprenderla. Uno di questi è sicuramente il gioco. Infatti, per stimolare i bambini al pensiero matematico è sufficiente inscenare alcune situazioni tipo della vita quotidiana. Uno degli esempi più comuni è il gioco del supermercato dove il ruolo della cassiera e del cliente insegna il concetto della quantità e della differenza.

Un’altra situazione che è possibile creare, ci permette di utilizzare le bambole. Nella tipica ora della pappa occorre dare un piatto ed un bicchiere ad ognuno. Questa, apparentemente, banale attività innesca in realtà diversi ragionamenti matematici, quali la divisione.

Se ti è piaciuto l’articolo continua a seguirci!

Exit mobile version